fids

Un po' di noi..

  • Roberta Leverone

    La passione per la danza inizia a 6 anni, quando comincio a frequentare i primi corsi di danza classica e a muovere i primi passi di ballo liscio e standard, seguendo le orme dei nonni e di mamma e papà.

    Crescendo l’attenzione si sposta verso la danza jazz, non abbandonando mai la passione per il ballo da sala.

  • Ugo Vittorio Leverone – Silva Ore

    Silva e Ugo diventano maestri di Ballo nel 1990 mettendo a disposizione la propria esperienza prevalentemente nel ballo sociale.

  • Nel 1997 decidono di istituire il ‘Club Roberta Danze’ con l’intenzione di approfondire la propria esperienza affiancando al Ballo Sociale anche la preparazione di coppie per la classe agonistica e nel corso degli anni riescono a raggiungere questo obiettivo.

Ultime Notizie

A partire dal 17 settembre riprendono i Corsi di Ballo con tante novità!

Vieni a scoprirle presso la nostra palestra di Via Struppa 258 D. La serata di prova è gratuita e non impegnativa!

Leggi tutto

Danzare fa bene allo spirito e alla salute, anche in terza età. Lo dimostrano due studi condotti dai ricercatori della Washington University e dell'Albert Einstein College of Medicine di New York che sono giunti alle stesse conclusioni: ballare è un vero toccasana per le persone anziane.

Leggi tutto

Lo stretto rapporto tra corretta alimentazione e prestazione sportiva è ormai nozione acquisita da tecnici e atleti in molte discipline.

Leggi tutto

Foto Ó grazia mazzarello

 

www.graziamazzarello.com

Il fitness irrompe nel mondo della danza...o forse il contrario?!
Written by Roberta
Wednesday, 14 January 2015 08:27
PDF Print E-mail

Come tutti avrete notato, negli ultimi anni il mondo del fitness è stato contagiato in maniera sempre più evidente e dirompente dal mondo della danza. Da questa unione sono nate , e stanno tuttora nascendo, nuove discipline dai nomi più disparati e fantasiosi...zumba, macumba, dansying, bokwa solo per citarne alcuni.

Il successo o meno di questi programmi è in buona parte, mi sento di dire per la gran parte, dettato dal grado di coinvolgimento dei partecipanti e a tal proposito le musiche, la facilità di esecuzione delle coreografie, la costruzione della lezione giocano un ruolo fondamentale. Personalmente, venendo dal mondo della danza, mi sono trovata subito a mio agio con queste nuove discipline...tanto che ho deciso di diventare istruttore di zumba e country fitness. La cosa che più mi ha conquistata è che alla base ci sia il concetto di divertirsi, lasciarsi andare e farsi trasportare dalla musica. In questo modo chiunque - indipendentemente dall'età, dal peso, dall'essere o meno "sciolto" - riesce ad essere coinvolto e a partecipare in modo attivo alla lezione, senza ansia di non riuscire a stare nel tempo giusto o sul passo giusto.

Il principio infatti è molto semplice...MUOVERSI! E non importa se quando l'istruttore gira a destra, tu giri a sinistra, perchè non è quello che conta. Quello che conta è che tu ti diverta e ti muova. Ti ritroverai a sudare sorridendo e in un batter d'occhio - lo garantisco - pure ad eseguire i passi e le coreografie perfettamente. E, dato che le lezioni sono costruite rispettando le regole del fitness, in breve noterete anche i risultati sul vostro fisico: oltre ai vantaggi a livello cardiovascolare, vi ritroverete gambe e glutei più tonici, riscoprirete di avere un bacino mobile e si assotiglierà il giro vita; per non parlare dei benifici a livello di umore, durante la lezioni i problemi rimangono fuori dalla porta e non si ha tempo per pensare a nulla se non a lasciarsi trasportare dalla musica.

Salsa, reggaeton, bachata, bollydance sono solo alcuni dei balli che ti aspettano durante una classe di zumba, mentre per il country fitness si utilizzano sia pezzi storici che contemporanei della famosa musica country di origine anglo-sassone e statunitense.

E allora...LET IT MOVE YOU!

                                                                                                                                                                          di Roberta Leverone


 

                                                                                                                                                                      

 

Last Updated on Wednesday, 14 January 2015 12:34